EOC 2018: Il commento di Riccardo Scalet

News - 13 Май 2018

Извините, этот текст доступен только на “итальянский” и “американский английский”.

EOC 2018, Ticino – Svizzera

Il commento del nostro atleta Riccardo Scalet
Stavo attendendo l’EOC in Ticino da un pò, poichè il terreno non è molto diverso da casa (anche se a 5,5 ore di auto); comunque all’inizio dell’EOC mi sentivo bene, riposato e pronto, grazie a precedenti e vari campi di allenamento specifici nell’area.
Le qualificazioni e le finali sprint erano molto tecniche e molto
difficili, dopo le super sensazioni alle qualificazioni di Bellinzona, mi sentivo più stanco e ho commesso alcuni errori durante la finale a Mendrisio; ma vediamo il lato positivo, prima degli errori, la top10 era raggiungibile.
La gara middle è andata bene, con un 9° posto alle qualificazioni a Carona, e un 21° posto alle finali di Serpiano.
Il culmine della settimana è stato sicuramente alla staffetta sprint, uscendo all’8° posto dopo Carlotta, mi setnivo molto in forma e sono riuscito a portare la squadra al 4° posto, a solo 1” dalla medaglia di bronzo. Dopo le 4 frazioni, un nuovo PB per la nostra squadra, con un 10° posto complessivo.
7 gare in7 giorni sono decisamente troppe per il mio corpo ora, perciò sia nella staffetta che nella lunga distanza non ho potuto performare come avrei voluto, ma questo mi rende ancora più affamato per il WOC2018 in Lettonia!
 
Curiosità:
20 giorni di allenamento in Ticino prima delle gare.
0 strength session during the competition week 🙁
5 massaggi durante l’EOC
154 punti di controllo trovati in 7 gare all’EOC
– Riccardo Scalet